GLI SMARTPHONE CI RENDONO PIU’ SMART?

Circa un decennio fa, le nostre vite sono cambiate drasticamente quando milioni di noi hanno acquistato uno smartphone.

Se sei come la maggior parte delle persone, ogni giorno consulti il tuo cellulare circa 80 volte, al mese quasi 2.400 volte e all’anno circa 30.000 volte. È diventato la nostra casella postale, TV, insegnante, consulente, album fotografico, giornale, radio, mappa, orologio, gioco da tavolo, biblioteca.

Secondo il Pew Research Center, gli studenti universitari hanno inserito il cellulare nella stessa categoria di aria e acqua come necessità primaria. È come un’appendice dei nostri corpi.

Considerando che ci dà la possibilità di consultare siti e di accedere ad un’enorme mole di informazione in pochissimo tempo, molti pensano che gli smartphone ci rendano più intelligenti.

In realtà, gli scienziati hanno scoperto qualcosa di sorprendente: anche se disponiamo di un maggiore accesso alle informazioni, lo smartphone in qualche modo ci rende meno intelligenti influenzando negativamente il nostro intelletto. E la loro influenza continua anche dopo aver appoggiato il nostro cellulare.

Secondo lo scrittore del Wall Street Journal, Nicholas Carr, “Mentre il cervello cresce dipendente dalla tecnologia, la nostra intelligenza si indebolisce”.

  • Distrazione e concentrazione

Da un decennio, lo psicologo cognitivo Adrian Ward dell’Università del Texas sta studiando gli effetti degli smartphone e di Internet sui nostri pensieri e il nostro giudizio. I dati confermano che l’utilizzo di uno smartphone o anche solo averlo vicino rende più difficile concentrarsi su un problema o su un lavoro difficile.

  • Pressione sanguigna e Ansia

Uno studio del 2015 ha mostrato che quando i telefoni squillano ma non si è in grado di rispondere, la pressione sanguigna sale, aumenta l’ansia e le capacità di risoluzione dei problemi diminuisce.

  • Capacità cerebrale

Alcuni ricercatori hanno condotto uno studio in cui alcuni studenti dovevano svolgere dei compiti. Le prove erano identiche, l’unica variabile nell’esperimento era la posizione dei cellulari degli studenti. Alcuni sono stati invitati a metterlo sui loro banchi; ad altri è stato detto di metterlo in tasca o in borsa, al terzo gruppo di lasciare i loro telefoni in un’altra stanza. I risultati sono interessanti: gli studenti i cui telefoni erano visibili sul banco hanno ottenuto punteggi più bassi, mentre quelli i cui telefoni erano in un’altra stanza sono stati gli studenti a totalizzare un punteggio più alto. Mentre la vicinanza del telefono cellulare aumentava, le capacità intellettive diminuivano.

  • Relazioni interpersonali e fiducia

Non è solo il nostro ragionamento che peggiora quando i cellulari sono vicini a noi. Ne risentono anche la nostra abilità sociale e le nostre relazioni. Quando utilizziamo gli smartphone in compagnia di altre persone, le conversazioni diventano più superficiali, distratte e meno soddisfacenti. La prova si trova in uno studio condotto nel Regno Unito, in cui i soggetti erano divisi in due gruppi e chiesero di conversare per dieci minuti. La metà aveva il telefono con loro; l’altra metà non aveva alcun telefono presente. I partecipanti sono stati testati per affinità, fiducia e empatia. La semplice presenza di un telefono “inibì lo sviluppo della vicinanza interpersonale e della fiducia” e riduceva “la misura in cui gli individui sentivano empatia e comprensione da parte dei loro partner”.

Quindi cosa possiamo fare?

Tutte le informazioni che i nostri smartphone offrono non ci rendono necessariamente più intelligenti. Almeno non in senso olistico. Abbiamo più dati ma le informazioni spesso hanno poco significato. Abbiamo contenuti senza contesto.

Il dottor Arian Ward ha scritto che “l’integrazione degli smartphone nella vita quotidiana” sembra aver causato una “fuga del cervello” che possa ridurre le capacità mentali vitali come “apprendimento, ragionamento logico, pensiero astratto, problem solving e creatività”. La risposta è quella di consentire a noi stessi e ai nostri figli di bilanciare l’uso dei cellulari.

Facciamo della tecnologia il nostro servo, non il nostro padrone.

FONTE: psychology today

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...